Ansia, panico, ossessioni

Ansia panico san donà di piave

Ansia, sintomi e correlati

I disturbi legati all’ansia possono essere di varia natura a seconda dell’intensità della paura / disagio, della frequenza e dell’oggetto o della situazione a cui l’ansia è legata.
Un veloce e semplificato elenco dei disturbi d’ansia trattati:

  • attacchi di panico, cioè forti e frequenti sensazioni di malessere, terrore e smarrimento.
  • disturbi ossessivi-compulsivi, cioè l’impulso a dover fare o pensare ad alcune cose precise fino a diventarne dipendente (es: controllare di aver chiuso la macchina, di aver spento la luce o di lavarsi le mani anche più volte in un’ora e interrompendo qualsiasi altra attività)
  • fobie e paure, cioè il terrore o il disagio legato ad una certa situazione o oggetto (es: dall’aereo al parlare in pubblico; dalle cimici ai ragni)
  • ansia generalizzata e irrequietezza, cioè quel senso diffuso di agitazione, spesso confuso con carattere e modo di essere, ma che alla lunga rovina rapporti e logora il proprio stile di vita
  • manie (dette tali), cioè piccole e, a volte, stravaganti abitudini che rubano tempo ed energia alla propria quotidianità
  • pensieri intrusivi, cioè quei pensieri, a volte voci, che si percepiscono come non legati alla propria volontà, ma che martellano la mente con domande e affermazioni che generano spesso grande paura e incertezza.

Come curare l’ansia

Lo Studio offre la possibilità di percorsi mirati usando i modelli più efficienti ed efficaci per la soluzione definitiva di problematiche specifiche legate a ciò che comunemente viene inteso con ansia.
Questo si traduce, a fronte di un rigoroso utilizzo degli strumenti offerti, in un minor investimento di tempo e di soldi per liberarsi da problematicità che spesso ci attanagliano da una vita.

Ad esempio, si possono ridurre drasticamente o persino eliminare del tutto alcuni dei disturbi elencati in meno di 10 incontri. I modelli usati sono:

  • Ipnosi ericksoniana
  • Terapia Breve Strategica
  • Terapia Cognitivo-Interattiva

Terapia per l’ansia e il panico: tempi e modalità

  • 1° e 2° incontro

    Ascolto, raccolta informazioni, scelta dell’obiettivo, definizione del progetto e tecniche da usare subito.

  • 3° - 5° incontro

    Riduzione disagio ed esperienze positive di autocontrollo.

  • 6° - 10° incontro

    Stabilizzazione delle nuove capacità, esperienze positive in situazioni prima problematiche, ridefinizione di sé in un’ottica più vasta e oltre al sintomo.

  • 11° incontro (dopo 6 mesi, gratuito)

    Condivisione dell’esperienze e chiacchierata sulla vita.

*Questa scaletta è solo un esempio: i tempi possono essere più brevi o più lunghi e le tematiche diverse.

Domande frequenti sull’ansia

Si può curare l’ansia con l’ipnosi?

La terapia ipnotica è molto utile nei casi d’ansia, perché permette di lavorare con le emozioni e sperimentare fin da subito (anche in stato di trance) situazioni paurose in un contesto protetto. Inoltre gli esercizi dati permettono di imparare l’uso di modalità di rilassamento e di scoperta delle proprie risorse interiori.

Come si manifesta un attacco di panico?

Consiste in una forte crisi d’ansia accompagnata da sintomi fisici come per esempio tremore, nausea, respiro affannato, battito cardiaco accelerato, sudorazione, senso di soffocamento e simili.

Dovrò poi prendere dei farmaci?

I farmaci sono prescritti da un medico. Solitamente ci si sente via telefono per valutare la diminuzione e/o la sospensione definitiva, ma il dott. Bidogia non prescrive e non dà indicazioni farmacologiche.

Una volta terminata la terapia sarò in grado di gestirmi da solo/a?

Sì, è l’obiettivo. Al termine del percorso, comunque, è previsto un incontro (gratuito) dopo 6 mesi per valutare l’efficacia della terapia.

Ma uno psicologo che non è psicoterapeuta può curare l’ansia?

Se l’ansia è per voi un problema serio andate da un professionista serio (non per forza serioso!).

Mi viene posta questa domanda sempre più spesso. E sempre più spesso da colleghi e colleghe.
Dal punto di vista normativo la risposta è “no”. Un disturbo d’ansia necessita di una terapia e un “semplice” psicologo non può fare psicoterapia. Nella quotidianità del lavoro privato, però, uno psicologo si occupa anche di disturbi d’ansia senza rischiare alcuna sanzione o denuncia. Per se stesso. Può mettere a rischio la salute della persona che si rivolge per la cura e che ottiene un sostegno, ma non la profondità necessaria.

Uno psicoterapeuta ha (almeno) 4 anni di esperienza e studio in più di uno psicologo. Fanno sicuramente una grande differenza, per conoscenza e abilitazione all’uso di particolari strumenti terapeutici.
Del resto, uno psicologo con decenni di esperienza di studio alle spalle, magari è più competente di un giovane psicoterapeuta.

Io ho molta fiducia nei colleghi e nelle colleghe. E ho molta fiducia anche nelle persone che si rivolgono a loro.
Se sei un collega poco esperto, sai bene che l’invio e il confronto con un collega con più esperienza è una vittoria e una crescita professionale.

Se soffrite di ansia da anni e vi trovate di fronte ad uno psicologo appena laureato che vi promette il miracolo… Sapete che fare: mi fido.

Chiedi informazioni

Articoli su ansia, stress e panico dal blog

Cerchi un percorso globale e non su un problema specifico?

Spesso paure, stress e ansia sono solo da corollario ad uno stile di vita. Se ritieni che ci sia qualcosa in più o se la situazione è più complessa, lo Studio si occupa principalmente di persone, non ci limiteremo a parlare dei sintomi. Qualche informazione su l’approccio terapeutico generale lo trovi anche cliccando qui sotto.

Vuoi un percorso più strutturato?

L’ipnosi porta con sé un fascino antico e sempre più conferme dalle neuroscienze moderne. L’utilità può essere sia quella del prendere maggiore consapevolezza di sé, che quella di imparare delle tecniche di auto ipnosi e rilassamento. Allo stesso tempo durante la trance ipnotica si possono sperimentare nuovi modi di superare le situazioni di ansia e paura. L’ipnosi, così, diventa uno spazio di sicurezza in cui esercitare e provare a superare i propri limiti come se si stessero vivendo nella realtà esterna. Chiedi informazioni cliccando qui sotto.